GAMES

Super Animal Royale - La Recensione (PC)

Super Animal Royale - La Recensione (PC)

Ci fu un periodo, ormai 15 anni or sono, in cui la defunta MTV mandava in onda, in orario serale e notturno, una serie cartoon molto molto particolare. I più anziani avranno già capito che sto parlando, ovviamente, di Happy Tree Friends. Lo show si caratterizzava per l'estrema contrapposizione tra l'apparenza estremamente family friendly e il contenuto invece cruento e macabro, con i peluche protagonisti che in ogni puntata morivano nelle peggiori maniere possibili. Super Animal Royale, il battle-royale free-to-play di cui andremo a parlare oggi sembra ispirarsi in parte al cartone animato, proponendo un ricco cast di animaletti "carini e coccolosi" pronti a sfidarsi all'ultimo graffio per diventare il last dog (o cat, bear...) standing.

The fast and the furriest


Partiamo subito col dire che l'opera di Pixile Studios, pubblicata da Modus Games, è ben lontana dai livelli di splatter e gore di Happy Tree Friends: nonostante l'impiego di granate, ak-47 e fucili da caccia (how ironic) sia all'ordine del giorno, i riferimenti espliciti alla violenza sono praticamente inesistenti, rendendo quindi il titolo adatto anche a un pubblico di più piccini. Lo stile grafico cartoon poi, semplice ma coloratissimo, sembra quasi invitare anche i genitori più protettivi ad abbassare la guardia e concedere ai loro cuccioli umani di giocare in tutta sicurezza.

In Super Animal Royale prenderemo le sembianze di animali umanoidi geneticamente modificati e addestrati al combattimento. Ci sono davvero tantissime specie collezionabili e personalizzabili con tantissime componenti estetiche, la maggior parte delle quali, ovviamente, sono a pagamento. A noi sono stati gentilmente offerti uno Starter Pack della Season 1 contenente 3 diversi animaletti e 600 SAW Coins (la valuta premium del gioco), e la Super Edition, contenente 4 animaletti esclusivi, 10 accessori esclusivi, 1000 SAW Coins e un rate doppio di guadagno di Carl Coins (la valuta free). Grazie alla valuta che abbiamo così accumulato siamo stati in grado di sbloccare il Pass Battaglia, ormai presente in ogni battle-royale o gioco free-to-play in generale, che consente di sbloccare progressivamente ricompense estetiche completando missioni e obiettivi settimanali.

Una volta che ci saremo sbizzarriti personalizzando il nostro alter-ego peloso giunge infine il momento di armarsi fino alle zanne e paracadutarsi nell'arena.

La catena alimentare

Per raggiungere la vetta della catena alimentare dovremo risultare l'ultimo animale rimasto in vita dei 64 partecipanti massimi per ogni lobby. Potremo affrontare tale impresa da soli, in coppia con un amico, oppure in squadre da 4 giocatori (e la modalità trio? Non c'è...). La formula è la stessa di ogni battle-royale, ma con qualche twist, dovuto anche alla particolare visuale 2D proposta dagli sviluppatori. Una volta che ci saremo sganciati dalla gigantesca aquila che sorvola inizialmente la mappa (aka il bus di fortnite), dovremo scegliere il nostro punto di atterraggio. Sarà dunque il momento poi di iniziare a recuperare più armi e risorse possibili per non farci trovare impreparati al momento dell'ingaggio con i nemici.

La visuale 2D dall'alto poteva risultare problematica in un titolo del genere, consentendo un raggio di visuale troppo ampio ai giocatori, che avrebbe permesso di individuare i nemici a distanze elevatissime. I ragazzi di Pixile Studios hanno risolto prendendo in prestito dai MOBA la cosiddetta "battle-fog", o nebbia di battaglia. Grazie a questo espediente, tutte le aree che non sono raggiunte dalla vista del vostro animaletto verranno oscurate, così da nascondere qualsiasi cosa (e quindi anche i nemici) si trovi al loro interno. In aiuto dei giocatori viene la componente audio: drizzate bene le vostre orecchie perchè spari, esplosioni o anche i semplici passi possono fungere da indizi fondamentali per individuare (oppure evitare) gli altri giocatori.

Fight for Furvival

L'arsenale che avremo a disposizione, seppur non vastissimo, consente una buona varietà: dalle semplici pistole alle mitragliatrici gatling, passando per armi più rudimentali come gli archi e le cerbottane velenose. Ciascuna arma poi ha una sua rarità, che influisce ovviamente sulle sue statistiche. Durante le nostre partite ne abbiamo individuata qualcuna decisamente superiore alle altre, ma il bilanciamento tutto sommato è onesto. Quello che invece non abbiamo apprezzato particolarmente è il sistema di armor: le armature per proteggersi dai proiettili sono suddivise in 3 Tier di crescente resistenza, peccato però che anche l'armor più resistente duri veramente poco, anche di fronte a bocche di fuoco tutt'altro che irresistibili. Oltre a armi e armature abbiamo poi gli immancabili healt-packs, che qui prendono le sembianze di beveroni simili al Kool-Aid. I giocatori potranno inoltre imbattersi in particolari accessori in grado di migliorare alcune statistiche, come velocità di movimento o di ricarica. Infine, non possono mancare i mezzi di trasporto, ovvero delle palline da criceto per rotolare velocemente per la mappa così da sfuggire alla letale nebbia velenosa; oppure degli Emu giganti che, molto gentilmente, ci scarrozzeranno per l'isola una volta saliti loro in groppa.

Conoscere il campo di battaglia e l'equipaggiamento è importante, ma lo è ancora di più saper effettivamente combattere. In Super Animal Royale potremo mirare a 360 gradi attorno al nostro personaggio utilizzando il mouse. Per evitare i colpi nemici potremo anche premere SPAZIO per rotolare via dal pericolo utilizzando tutta la nostra grazia e agilità animale. Per i motivi che spiegavamo poco sopra riguardo all'armor, i combattimenti durano molto poco, così come ciascuna partita (una decina di minuti). Questo è sicuramente un elemento positivo visto che permette di poter fare un paio di partite ogniqualvolta si abbia un momento libero durante la giornata, ma dall'altro lato potrebbe costringervi a passare molto tempo in lobby ad aspettare di cominciare una nuova partita dopo essere morti per l'ennesima volta.

Tecnicamente parlando

Abbiamo provato Super Animal Royale sulla seguente configurazione:

AMD Ryzen 7 3700x @ 3.60 GHz

Gigabyte RTX AORUS Master 3080 Ti 12Gb

Kingston Hyper x FURY (2x8Gb) DDR4

Risoluzione 3440x1440 (21:9)

Non abbiamo riscontrato problemi degni di nota. Il gioco gira molto fluidamente, come ci si aspetta che faccia. Il fatto poi che sia disponibile anche su tutte le console di nuova e vecchia generazione (compresa anche Nintendo Switch) è un ulteriore conferma di quanto il titolo sia leggero e comunque ben ottimizzato. Se è vero che qualcosa di meglio in ambito audio si poteva fare, non abbiamo davvero motivo di lamentarci di questa componente. Sul netcode, invece, si poteva e si doveva lavorare di più: non sono manati crash e disconnessioni che, soprattutto in un titolo competitivo, sono tutt'altro che bene accetti.

In conclusione

Dopo più di due anni in Early Access su Steam, Pixile Studios rilascia quasi a sorpresa la 1.0 di Super Animal Royale, confermando le già ottime impressioni della community. Un titolo che, sebbene difficilmente metterà in crisi i "big" del settore, è riuscito a ritagliarsi una fetta di giocatori che apprezzano la passione e la creatività che permea il titolo. Gameplay non stressante, immediato e partite rapide "alla una tira l'altra" come le ciliegie sono le caratteristiche fondamentali che rendono Super Animal Royale un titolo tutto sommato divertente, specie se giocato in compagnia per una serata di spensierata bestialità. E' vero, alla lunga può stancare, ma l'importante non è forse godersi il viaggio, finchè voglia ce n'è?

7Voto KotaWorld.it6.5Grafica7Gameplay7.5Ottimizzazione

KotaWorld - Autore
Qualche informazione a riguardo

Appassionato di videogames, cinema e musica, nel tempo libero frequenta l'Università con il folle obiettivo di laurearsi. La sua carriera videoludica inizia nel lontano '98 grazie a un Nintendo 64 seguito poco dopo da un GameBoy Color. L'incontro con picchiaduro del calibro di Tekken 3 e Mortal Kombat 3 lo porta ben presto ad abbandonare la troppo politically correct Nintendo per lanciarsi nelle braccia di Sony. Dopo anni di fedeltà e amore (platonico) per Kazuo Hirai, passa alla PC Master Race e fonda, insieme ad altri amici, dapprima il team KotA e poi KotaWorld, per il resto...beh staremo a vedere. 

Ultimi articoli dell'autore:

Il nostro canale 

 

 

 

 

Twitchers Affiliati Kotaworld.it

maddie_lena  Ita_DearMax

 

Autori KotaWorld.it - Clicca per scoprire chi sono

/images/Editors2/Arnitxe/arnitxe_scritta.jpg

/images/Editors2/Eughenos/eughenos_scritta.jpg

gbfonzie

/images/Editors2/Lemon/lemon_scritta.jpg

/images/Editors2/Noldor/Noldor_scritta.jpg

Ryuk1980

Ale bn

/images/Editors2/Stain/Stain_bn.jpg

/images/Editors2/Ubi/ubi_bn.jpg

war bn

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.