GAMES

Legends of Kingdom Rush - La Recensione (PC)

Legends of Kingdom Rush - La Recensione (PC)


Legends of Kingdom Rush è un combat RPG a turni singleplayer disponibile dal 14 Luglio su Steam ed Arcade (Apple) sviluppato dalla Ironhide Game Studio.

Abbiamo potuto provare il titolo in anteprima, scoprendo un gioco all'apparenza molto semplice e poco convincente ma che ci ha sorpreso così tanto da inserirlo nell'elenco dei "MUST HAVE", qualora il genere piaccia.

Prima di entrare nella descrizione dettagliata del protagonista di questo articolo vogliamo dirvi due parole veloci per farvi capire subito che tipologia di gioco stiate per conoscere.

Legends of Kingdom Rush è "semplice ma solo all'apparenza" e ricorda titoli importanti come "For the King", "Darkest Dungeon" e "Cat Quest". Sorprende da subito per la semplicità di layout ed impostazione strutturale del gioco ed infatti si presenta come un gioco "mobile" anche su Steam con pochissimi setting grafici / audio / comandi che inizialmente lasciano presagire realtà poco curate MA e ripeto MA non è questo il caso.

Se ho stuzzicato la vostra curiosità proseguiamo ora con la descrizione più dettagliata.

STORIA

La storia vede l'esercito nero pronto a marciare per fermare un'invasione, quando il nostro protagonista Gerald, che si trova incarcerato ormai da molto tempo, viene liberato da una figura misteriosa incappucciata. Inizia quindi la sua fuga dalla capitale linireana, che lo porterà verso avventure uniche dove inconterà molteplici tipologie di nemici temibili e fedeli compagni di viaggio. Tutto ciò è raccontato tramite una storyboard fumettistica molto ben riuscita e piacevole, che stimola la voglia di immergersi a fondo nella trama. Le ambientazioni saranno quindi parecchie ed ad ogni di essa ci si potrà sentire coinvolti nel racconto. Il resto della storia aspetta voi e la vostra capacità di progredire nell'avventura.

GAMEPLAY - GENERALE/MAPPA

Il gameplay è il classico di un combat RPG a turni singleplayer che si presenta in due modalità: AVVENTURA e ARENA. La prima permette di seguire la storia tramite un sistema progressivo abbastanza lineare che però crea unicità in ogni run. Lo sviluppo della storia permette al giocatore, per ogni dungeon iniziato, di scegliere ad ogni step la direzione da prendere. Ciò rende il tutto molto dinamico, una sorta di trial and error dove la sconfitta è sicuramente il miglior metodo per apprendere quale strada è più valida. Ad ogni sconfitta il gioco fa ricominciare da capo il dungeon permettendo di scegliere la squadra con cui partire. Ci sono appunto diversi protagonisti oltre a Gerald, il ranger ed il mago che possono essere scelti per cercare di trovare la configurazione di squadra più performante per quella tipologia di nemici.

La dinamicità dà la sua massima espressione quando in ogni run il dungeon cambia gli eventi che la squadra può incontrare. Sulla mappa infatti è possibile notare diverse bandierine per ogni strada percorribile con punti di domanda, teschi rossi e dadi. A ciò si aggiunge un ulteriore aspetto importante dove ad ogni evento il gioco può chiedere al giocatore di decidere cosa fare. Ma facciamo un esempio pratico: la squadra si trova davanti un gruppo di guardie che sono accampate. il gioco chiede quindi di scegliere se affrontarle, superarle furtivamente o provare a dar fuoco alle tende. L'esito della scelta presa è sancito dai dadi e dalla presenza nell'inventario di squadra di specifici oggetti. La torcia può essere usata per dare fuoco ad oggetti o piante, il piccone per rompere rocce o materiali duri ed infine le peculiarità di ogni componente della squadra possono essere usate per uccidere / incantare / schivare i nemici presenti. Un omaggio graditissimo ai giochi di ruolo del passato, che i più anzianotti come noi gradiranno sicuramente.

 

Il progresso della storia permette inoltre il miglioramento dei membri della squadra fino al livello 3, permettendo lo sblocco di abilità, attacchi o incantesimi specifici per ogni componente del team. Tale upgrade è però temporaneo per quella specifica run ed infatti alla sconfitta del team questo livello viene azzerato. Ciò rende tutto ancora più dinamico e denso di strategia. Scelte sbagliate porteranno il giocatore ad affrontare difficoltà insormontabili e quindi a perdere facilmente.

GAMEPLAY - LO SCONTRO

Lo scontro si presenta quando sulla mappa ci trova sulle bandierine con il teschio rosso. Tale evento appare superificialmente molto semplice e lineare ma in realtà nasconde uno spirito strategico e tattico a dir poco meraviglioso. Ogni componente della squadra ha la possibilità, nel proprio turno, di svolgere tre azioni (movimento/combattimento) selezionabili tramite le azioni presenti in basso a sinistra nei vari riquadri (fendente spada / scudo / spada rotazione ...). Ogni realtà presente, sia essa alleata o nemica, può svolgere da attacchi ravvicinati e/o a distanza con un raggio d'azione più o meno ampio. Sfrutta quindi le peculiarità di ognuno e la mentalità del sistema a turni per vincere tutti gli scontri.

E' più difficile spiegare il meccanismo di gioco che provarlo.

Il concept è molto semplice ma le scelte strategiche sono tutto fuorchè banali o scontate.

Vi sembrerà più volte di giocare a scacchi rispetto ad un RPG a turni!

Mettete alla prova la vostra mente!

GRAFICA

Il layout e di conseguenza anche l'impostazione del menù risulta veramente basilare e scarno. Il concetto fondante è però che il gioco deve essere pratico da giocare con un touchscreen. Questo aspetto lascia effettivamente dell'amaro in bocca aspettandosi una realtà più strutturata ma la presenza di disegni fatti a mano, animazioni ed ambientazioni porta il giocatore a sviare facilmente la mente da queste perplessità. La cura ai dettagli è però degna di nota e soprattutto pensato come gioco mobile si presenta molto bene.

 

8.4Voto KotaWorld.it7.5Grafica9.3Gameplay8.5Ottimizzazione

 

 

 

KotaWorld - Autore
Qualche informazione a riguardo

Di professione si alterna tra essere un Biologo marino ed docente di Biologia e Chimica in un Liceo. Fin da piccolo è cresciuto seguendo i saggi consigli del padre, un giocatore assiduo di Nintendo 86 (NES) e provando con una grande curiosità ad imparare ogni cosa riguardo la gestione di un computer, il relativo problem solving e la conseguente manutenzione. Fonda i KotA con altri tre intimi amici, gestendo prima il canale discord e dal 2019 dirige questo magazine tramite l'aiuto di cari amici del gruppo KotA staff.
Il suo punto forte? Essere un temibile factotum autodidatta dalla curiosità morbosa. 

Ultimi articoli dell'autore:

Il nostro canale 

 

 

 

 

Twitchers Affiliati Kotaworld.it

 Ita_DearMax

 

Autori KotaWorld.it - Clicca per scoprire chi sono

 

/images/Editors2/Eughenos/eughenos_scritta.jpg

gbfonzie

/images/Editors2/Lemon/lemon_scritta.jpg

/images/Editors2/Stain/Stain_bn.jpg

 

war bn

Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
Functional
Tools used to give you more features when navigating on the website, this can include social sharing.
Twitch
for Twitch's player
Accept
Decline
Essential
These cookies are needed to make the website work correctly. You can not disable them.
Joomla
Accept
Cookies Allert
Accept
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline
Marketing
Set of techniques which have for object the commercial strategy and in particular the market study.
DoubleClick/Google Marketing
Accept
Decline