GAMES

King of Seas: la recensione

King of Seas: la recensione

Immaginate di tornare bambini, di capovolgere il tavolo della cucina, legare una scopa e un lenzuolo a uno degli angoli e di gridare "all'arrembaggio" mentre stringete nella mano un palloncino a forma di spada. Ecco la sensazione che potrete provare giocando all'ultimo gioco di ruolo procedurale ad ambientazione piratesca del panorama videoludico, King of Seas. Il team di sviluppo è il Team17 della 3DClouds casa di sviluppo quasi interamente italiana che negli ultimi 3 anni ha dato alla luce progetti molto interessanti.
Il motore di sviluppo è Unreal Engine e il gioco è presente su praticamente tutte le piattaforme al prezzo di 24,99€



Posso subito dirvi che sicuramente appassionerà tutti i fan delle ambientazioni pirata, con i suoi pregi e i suoi difetti, vi trascinerà in un'esperienza di gioco accattivante non del tutto scontata. 
La grafica e la varietà di personalizzazioni delle navi è il fiore all'occhiello di questo titolo, che punta veramente a divertire e suscitare in noi quella voglia di avventura piratesca caratteristica dei nostri giochi di infanzia. 

Il gioco per chi non l'avesse capito è un sigle player e presenta 5 livelli di difficoltà: Mozzo, Cannoniere, Capitano, Corsaro, King of Seas

La mia esperienza  si articola in 20 ore di gioco a livello Capitano; provato su PC con grafica settata al massimo, installato su SSD in una macchina i7 7700 con scheda grafica Geforce GTX 1070 e non ha presentato nessun tipo di problema tecnico, nè grafico nè di ottimizzazione.

La trama di fondo è semplice ma accattivante. Evitando gli spoiler vi dico che l'obbiettivo è risolvere un complotto che vi riguarderà e sarà il filo conduttore di tutte le quest principali che serviranno a portare avanti la trama.

La mancanza di un vero e proprio tutorial renderà le cose molto più longeve in quanto dovrete scoprire da soli le varie meccaniche di gioco.

Se siete alle prime armi vi consiglio di iniziare ad un livello inferiore a quello di Capitano. Il team di sviluppo ha ben pensato di rendere la sfida impegnativa e già dal livello intermedio con cui ho voluto provare il titolo, non vi nascondo che ho avuto grosse difficoltà per portar avanti la storia e che ancora dopo 20 ore sono ben lontano dal terminare.

Il tutto è riassumibile in un Action RPG con dinamiche di loot che, pur basandosi principalmente sull'accumulo di bottino, garantiscono una vasta gamma di esperienze da provare. Tra missioni primarie e secondarie, accumulerete denaro per poter acquistare navi sempre più adatte alle vostre esigenze, potrete provare il levelling nella pesca, l'esplorazione della mappa e la conquista di nuove aree portuali, senza farsi mancare ovviamente i combattimenti a colpi di cannone in mare aperto. Il tutto si svolge sempre a comando di un'imbarcazione, ciò vuol dire che non avrete un vostro personaggio da personalizzare, sceglierete il genere ad inizio game, ma da lì in poi la sua comparsa avverrà esclusivamente nei dialoghi sotto forma di fumetto. Quello che potrete personalizzare sono appunto le vostre imbarcazioni. Tali personalizzazioni serviranno a rendere più efficace la vostra nave, sloop o galeone che sia, potrete scegliere tra una vasta gamma di vele, scafi, castelli, polene, cannoni, proiettili oltre che a diversi tipi di ciurma e la presenza di pirati specializzati che vi permetteranno skill e buff utili nello scontro e nella navigazione. Tutto ciò potrà essere droppato o come ricompensa nelle varie quest, o uscendo vincitori da uno scontro, o semplicemente raccogliendo i tesori che troverete per mare. 
Le flotte sono divise in 3 macrogruppi: Pirati, Marina Militare e Marina Mercantile e l'esperienza di gioco sarà ancor più arricchita dalla presenza di sortilegi, navi fantasma e kraken
Attenti però, ogni qualvolta perderete uno scontro vi sarà sottratta la vostra nave con tutte le personalizzazioni equipaggiate, quindi di volta in volta valutate attentamente le vostre mosse, fuggire a volte si potrebbe rivelare la scelta più saggia. Rispetto ad altri titoli dello stesso genere, gli scontri sembrano essere più impegnativi e a seconda della nave che possedete e del nemico che avrete davanti dovrete alternare attacchi frontali alle varie skill in vostro possesso, cercando di sfruttare anche tutte le risorse che vi fornirà il mare, tra barili esplosivi, vulcani attivi e faraglioni.

Il gioco insomma è ben strutturato, veramente ricco di possibilità e contenuti e degno quindi di diventare uno dei titoli più accattivanti del panorama pirata.

Per quanto riguarda i lati negativi, sono esclusivamente di aspetto esperienziale. Le quest secondarie sono troppo ripetitive, ogni qualvolta perderete la vostra nave, per un errore di valutazione in uno scontro, dovrete riiniziare la trafila di quest secondarie che vi permetteranno di accumulare denaro per poter riacquistare quel tipo di nave che avete perso. 

La mia esperienza di gioco di 20 ore come detto non è stata sufficiente e sono sicuro che sarà un titolo che con il tempo vorrò portare avanti. Credo fermamente che se il team di sviluppo, in futuro, riuscirà ad arricchire la parte riguardante le quest ed ad abbattere l'aspetto troppo ripetitivo del gioco, potrà far diventare King of Seas uno dei titoli d'elite del genere. 

Personalmente sono dell'idea che per come è strutturato, oltre la trama, abbia le basi per diventare un multiplayer, cosa che andrebbe ad aggiungere a King of Seas un aspetto fondamentale che forse tende a mancare, la competitività , ma probabilmente questo rimarrà solo una flebile speranza visto il concept iniziale e l'impronta single player data dal team di sviluppo.

In generale, mi sento vivamente di consigliare il gioco a tutti gli amanti del genere e delle ambientazioni pirata, a tutti gli altri invece, visto il costo non indifferente per un single player indie, suggerisco di sfruttare l'enorme risorsa che è il web per poter valutare se questo gioco possa fare al caso vostro, prima di procedere all'acquisto.

 

 8Voto KotaWorld.it8Grafica7Gameplay9Ottimizzazione

 

KotaWorld - Autore
Qualche informazione a riguardo

Marco Gibilisco aka GbFoNZiE:  webmaster,tecnico informatico e manutentore reti di professione, capo scout, fotografo,noob-gamer e divoratore di serie nel tempo libero.

Ultimi articoli dell'autore:

Il nostro canale 

 

 

 

 

Twitchers Affiliati Kotaworld.it

maddie_lena  Ita_DearMax

 

Autori KotaWorld.it - Clicca per scoprire chi sono

/images/Editors2/Arnitxe/arnitxe_scritta.jpg

/images/Editors2/Eughenos/eughenos_scritta.jpg

gbfonzie

/images/Editors2/Lemon/lemon_scritta.jpg

/images/Editors2/Noldor/Noldor_scritta.jpg

Ryuk1980

Ale bn

/images/Editors2/Stain/Stain_bn.jpg

/images/Editors2/Ubi/ubi_bn.jpg

war bn

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.