GAMES

Warhammer 40,000: Battlesector - La Recensione

Warhammer 40,000: Battlesector - La Recensione

Warhammer 40,000 ha raggiunto negli anni più che una concezione di gioco quella di un culto. Il successo smodato che è riuscito ad attrarre a sé ha permesso l'esistenza di interi negozi dedicati singolarmente a questa serie. Anche chi non vi ha mai giocato difficilmente non lo ha mai sentito nominare, d'altronde io sono uno fra essi, spinto a voler provare ed entrare finalmente in questo universo che mi ha sempre affascinato, iniziando da Warhammer 40,000: Battlesector

 

Eroi e insetti


Doveroso è iniziare a parlarne attraverso la storia che lascia questo capitolo e l'universo ad esso collocato. Purtroppo dobbiamo evidenziare  fin da subito come sia complicato, per chi non conosce la serie, seguire e comprendere la narrativa, resa ancora più difficile da una mancata localizzazione italiana e l'uso di un inglese il quanto più possibile "solenne", scritto in maniera da richiamare un uso dell'inglese biblico, per decorar meglio la sua collocazione in questo universo futuro, in cui l'esistenza è stata basata sulla sopravvivenza dell'umanità attraverso l'impero e il suo imperatore, osannato e venerato come un dio in terra che tutto può e tutto comanda. I nostri soldati non avranno alcun timore a donare la propria vita per la gloria dell'imperatore.

Per quanto questo tema possa essere affascinante, la sua narrativa lo rende quanto mai ostico per chi non è preparato a trovarselo di fronte in ogni aspetto del gioco senza un'adeguata introduzione, mancanza di questo capitolo che mi spinge a non consigliarlo come gioco introduttivo alla serie e quanto mai a chi non comprenda un buon inglese.

Certo rimane l'alternativa di saltare a piè pari la storia, che ad ogni modo sarete comunque portati a fare in quanto sarà a voi esposta in monologhi tra la scelta di una missione e l'altra, quando cioè al posto di star fermi a vedere uno schermo fisso preferireste tagliare corto e lanciarvi direttamente a combattere i tirranidi, esseri/insetti vostri cari nemici.

 

Il Gameplay - al servizio dell'imperatore

Battlesector è un capitolo strategico a turni di Warhammer, che ricorda serie quali XCOM o il non sempre prestante HALO Wars. All'inizio della missione dovrete scegliere le unità da schierare in base ad un punteggio massimo e soprattutto al vostro stile di gioco. Il non vedere i nemici che affronterete in ogni missione alla partenza della stessa non vi aiuterà a scegliere le vostre truppe, quindi alla fine si propenderà in base ai vari stili di gioco, i quali principalmente saranno "Bilanciato", "Ravvicinato", "a Distanza" qualora vogliate essere più o meno aggressivi.

L'avanzare delle missioni vi permetterà di sbloccare man a mano nuove unità sempre più potenti, corazzate e costose fin ad arrivare agli ultimi livelli in cui vedrete le vostre unità più deboli venir spazzate via da singoli colpi dei nemici, in un'occasione in particolare, ancor prima di aver modo di iniziare... 

Le unità saranno divise in base ai movimenti che potranno fare per turno e alle azioni, solitamente una, che permette il poter mettere in campo azioni "mordi e fuggi" studiate o sacrificare ogni punto per avanzare più in là, scelta che difficilmente vi troverete a fare in quanto la possibilità di mettere le unità con una zona di "allerta" vi potrà risolvere diversi problemi nel momento stesso in cui si presenteranno.

 

Il quantitativo di space marine, le loro abilità uniche e uno sviluppo ad albero delle loro abilità creano un buona varietà nelle vostre scelte di gameplay e di strategia, ognuno potrà trovare il sistema più congeniale a sè e le proprie unità preferite. Teoricamente parlando potrete creare un'intero esercito composto da un singolo tipo di unità, ma la buona varietà di cui sopra, fatta di punti di forza e debolezze, vi porterà comunque a schierare diversi tipi per compensare le lacune 

Le unità alleate avranno quasi sempre un corrispettivo con i nemici tirannidi, anche se quest'ultimi adotteranno il più delle volte un approccio di contatto con, fortunatamente, un limitato uso di unità di artiglieria.

La riconquista della luna di Baal, casa natale di diversi Space Marine, susseguirà così tra una missione e l'altra, l'eventuale sconfitta difficilmente vi porterà a fallirla una seconda volta conoscendo già cosa vi si parerà davanti.

 

La Luce dell'impero

Visivamente il gioco non eccelle, vi dico subito che se siete fissati con la grafica non è un gioco fatto per voi, esso è più un omaggio alla serie e alla volontà di dar vita ad un altro capitolo incentrato sulla strategia e sulla possibilità di poter mettere in gioco le proprie capacità tattiche.

Per carità si fa guardare, ma non spinge di certo sulle schede grafiche moderne e questo perlomeno porta alla nota positiva di poter essere fatto girare anche su pc più datati, complice la modalità di gioco a turni, che vi darà il tempo a voi di pensare e al vostro pc di elaborare.

Agli occhi staglia di sicuro la bontà delle animazioni viste con lo zoom a pochi metri, peccato che in un gioco isometrico difficilmente ci metteremo a fare primi piani di tutte le facce in battaglia. 

 

L'Apocalisse Infine

Warhammer 40k: Battlesector risulta un gioco a turni dalla buona varietà di stile, i differenti approcci creano un personale modo di combattere, la predilezione alla difesa tuttavia sfavorisce coloro i quali si lanciano con il jetpack favorendo un tipo di gameplay a imboscate e "trappole". Battlesector è uno strategico vario che può essere largamente apprezzato da tutti coloro che amano la serie ma disdegnato da coloro che preferiscono videogiochi "storici" più specializzati sulla strategia. Degno capitolo di una saga che appassiona miglia di giocatori in tutto il mondo ha le carte in regola per trovare successo tra di essi, ma cade e arranca nell'attirare nuove schiere di fedeli, allontanati da una localizzazione mancante e ambientazioni non per tutti i gusti.

7.7Voto KotaWorld.it8Gameplay8Longevità7Grafica

 

 

KotaWorld - Autore
Qualche informazione a riguardo

Romeo o Stain se mai mi troverai sul campo di battaglia... 25 anni e sentirli tutti, aspetta, forse non doveva essere così… Nato a Treviso e portato di qua e di là negli ultimi anni tra sogni e lavoro. Dopo diversi anni dedicati dalla prima alla terza Playstation mi sono convertito al pc gaming con una parentesi di amore e odio con la Asus e i loro portatili. E sempre nella volontà di star dietro ad un sogno eccomi qua a scrivere di game e di tech.

Ultimi articoli dell'autore:

Il nostro canale 

 

 

 

 

Twitchers Affiliati Kotaworld.it

maddie_lena  Ita_DearMax

 

Autori KotaWorld.it - Clicca per scoprire chi sono

/images/Editors2/Arnitxe/arnitxe_scritta.jpg

/images/Editors2/Eughenos/eughenos_scritta.jpg

gbfonzie

/images/Editors2/Lemon/lemon_scritta.jpg

/images/Editors2/Noldor/Noldor_scritta.jpg

Ryuk1980

Ale bn

/images/Editors2/Stain/Stain_bn.jpg

/images/Editors2/Ubi/ubi_bn.jpg

war bn

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.